25 Settembre 2017
immagine di testa


news

Detrazioni su lavori, mobili e condominio: cosa cambia nel 2017

26-10-2016 14:44 - Novit sulla Casa...
Agevolazioni potenziate per gli interventi sulle parti comuni
Ancora un anno con le detrazioni sulle ristrutturazioni edilizie (50%), il risparmio energetico (65%) e l´acquisto di mobili e grandi elettrodomestici (50%). Ma anche la promessa di cinque anni con l´ecobonus e il sisma bonus per i condomini in versione extra large. In attesa di vedere i provvedimenti nella Gazzetta Ufficiale - quando la legge di bilancio sarà approvata dal Parlamento - le linee guida del progetto del Governo appaiono, nero su bianco, nel Documento programmatico di bilancio (Dpb) inviato a Bruxelles (a pagina 45).

Ristrutturazioni ed ecobonus
Di fatto, chi ha avviato o intende avviare lavori di ristrutturazione o efficientamento energetico ha oggi la ragionevole aspettativa di poter contare su altri 12 mesi con le agevolazioni alle stesse condizioni previste fino alla fine di quest´anno. Quindi spesa massima agevolata di 96mila euro per il 50% e bonus differenziati in base al tipo di interventi per il 65% (si vedano le schede in queste pagine).
Per avere un´idea degli interessati, basti pensare che - secondo lo studio presentato dal Cresme alla Camera nelle scorse settimane - quest´anno le pratiche per le ristrutturazioni saranno quasi 1,4 milioni, cui si aggiungeranno altre 365mila pratiche per il 65 per cento.
Lo stesso vale per la detrazione sull´acquisto degli arredi abbinata ai lavori edilizi, di cui il Dpb annuncia la proroga al 31 dicembre 2017. Se mai, bisognerà verificare se sarà confermata l´impostazione data finora dalle Entrate (e ribadita con la circolare Telefisco del 2016, la 12/E), in base alla quale è incentivato l´acquisto degli arredi abbinato a spese di recupero sostenute dal 26 giugno 2012 in poi: alcune delle ipotesi circolate nei giorni scorsi limitavano l´agevolazione nel 2017 a chi ha avviato i lavori da quest´anno.
Resta da vedere, poi, se il Parlamento confermerà anche il bonus mobili per le giovani coppie (pari al 50% su una spesa massima di 16mila euro) introdotto dalla legge di Stabilità 2016 e sganciato dai lavori edilizi.

Le novità per i condomini
La vera novità delle misure in arrivo, comunque, è il rafforzamento delle detrazioni condominiali, con l´obiettivo - anche questo già inserito nel Dpb - di tenerle ferme fino al 31 dicembre 2021. Un orizzonte quinquennale che i bonus edilizi non hanno mai avuto dalla fine degli anni 90 a oggi.
D´altra parte, se c´è un settore in cui le detrazioni finora hanno zoppicato è proprio quello degli interventi su parti comuni condominiali. L´esperienza insegna che per bloccare i lavori spesso bastano pochi proprietari contrari. Da questo punto di vista, cinque anni sono senz´altro un termine sufficiente a programmare gli interventi nel modo migliore, preparando i progetti, il capitolato e raccogliendo i preventivi.
A decidere il successo o il fallimento dei bonus potenziati, però, sarà la capacità delle nuove disposizioni di superare il blocco rappresentato da chi non può o non vuole investire denaro nei lavori condominiali.
Si è parlato molto della possibilità di cedere la detrazione ad altri soggetti, così da "monetizzare" subito una parte della spesa. Questa possibilità esiste per gli incapienti già dall´inizio dell´anno, con il 65% cedibile ai fornitori, ma per come è stata delineata non funziona. Bisognerà vedere se nel contesto della legge di bilancio ci sarà un meccanismo più efficace.
L´aumento delle percentuali di detrazione potrebbe avere un effetto positivo anche mantenendo il tempo di recupero a dieci anni, come confermato nel documento governativo (si veda l´analisi nella pagina a fianco). Ma tutto dipenderà dai requisiti cui sarà legata la versione extra large dei bonus: nel caso dell´antisismica per conoscere i requisiti potrebbe essere necessario attendere la nuova classificazione ministeriale, ma è evidente che è su questi dettagli che si deciderà il buon esito dell´operazione.

DETRAZIONE SUL RECUPERO EDILIZIO

01 Le regole attuali
La detrazione Irpef per il recupero edilizio è pari al 50 per cento, calcolato su una spesa massima di 96mila euro per ogni unità immobiliare. E spalmata su dieci quote annuali di pari importo. Un regime scattato il 26 giugno 2012 e prorogato dalle leggi di Stabilità degli ultimi tre anni fino al 31 dicembre 2016. La detrazione spetta anche per spese di progettazione e per le prestazioni professionali connesse alle opere edilizie e per la messa a norma degli edifici
Le opere edilizie agevolate
Gli interventi per cui si può beneficiare del bonus sono elencati al comma 1 dell´articolo 16-bis del Tuir (Dpr 917/1986):
gli interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia per le unità residenziali e le loro pertinenze;
lavori di manutenzione ordinaria, solo sulle parti comuni di edifici condominiali
Le altre opere agevolate
Altri lavori sono agevolati a prescindere dalla categoria edilizia:
ricostruzione o il ripristino di immobili danneggiati a seguito di eventi calamitosi, a patto che sia stato dichiarato lo stato di emergenza;
realizzazione di autorimesse o di posti auto pertinenziali;
eliminazione di barriere architettoniche;
prevenzione del rischio di atti illeciti da parte di terzi (es. installazione inferriate, porte blindate);
cablatura degli edifici e contenimento dell´inquinamento acustico;
interventi di risparmio energetico (ad esempio installazione di panelli fotovoltaici);
adozione di misure antisismiche (si veda anche la scheda a destra);
bonifica dall´amianto e opere volte ad evitare gli infortuni domestici

02 Il progetto per il 2017
Per le ristrutturazioni - come si legge nel Documento programmatico di bilancio inviato a Bruxelles - si prevede la proroga delle regole attuali fino al 31 dicembre 2017. Salvo altre proroghe, dal 1° gennaio 2018 si tornerà al bonus 36% con tetto di spesa di 48mila euro
03 Attenti A ....
Possono godere del bonus anche le spese per gli oneri di urbanizzazione, oltre a tasse e diritti di segreteria su pratiche edilizie. In questo caso non è necessario il pagamento tramite bonifico: basta il bollettino postale

ECOBONUS AL 65%

01 LE REGOLE ATTUALI
La detrazione Irpef/Ires del 65% sulle spese sostenute fino al 31 dicembre 2016 riguarda alcune categorie di lavori di efficienza energetica:
riqualificazione globale di edifici esistenti (detrazione massima di 100mila euro);
interventi su strutture opache verticali e orizzontali: pareti, tetti, solai, eccetera (massimo 60mila euro);
sostituzione o modifica di serramenti e infissi (60mila euro);
installazione di pannelli solari termici, per la produzione di acqua calda sanitaria, anche a integrazione dell´impianto di riscaldamento (60mila euro);
sostituzione totale o parziale di impianti di riscaldamento con: caldaie a condensazione (e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione), pompe di calore ad alta efficienza o impianti geotermici a bassa entalpia (30mila euro);
sostituzione di scaldacqua tradizionali con altri a pompa di calore, per la produzione di acqua calda sanitaria (30mila euro);
installazione di schermature solari, indicate nell´allegato M del Dlgs 311/2006 (60mila euro);
sostituzione totale o parziale di impianti di riscaldamento (o anche nuova installazione) con altri dotati di generatori a biomassa (30mila euro);
installazione di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento o climatizzazione (nessun valore massimo di detrazione).
Le condizioni
Gli interventi sono agevolati solo se effettuati su edifici esistenti (non in costruzione), anche strumentali. Per tutte le misure - tranne pannelli solari e schermature - è necessario che nell´immobile vi sia già un impianto di riscaldamento.
La detrazione si divide in dieci quote annuali di pari importo

02 IL PROGETTO PEr IL 2017
Anche per la detrazione del 65% si prevede la proroga fino al 31 dicembre 2017 per tutti gli interventi ora incentivati.
L´unica misura che non pare per ora prorogata è quella relativa ai dispositivi domotici, introdotta dal 2016
03 ATTENTI A...
In virtù della proroga, anche nel 2017 la sostituzione del generatore termico con uno a biomassa potrà - in alternativa - esser fatta ricadere tra gli interventi di riqualificazione globale dell´edificio: in quel caso, occorrerà però rispettare an


Fonte: www.ilsole24ore.it

Alloggi terminati: pronta consegna

Montopoli, S. Romano

alloggi realizzati. Disponibili pronta consegna.
[]
[facebook]
[ continua ]

Castellina Marittima, le Badie

alloggi realizzati. Disponibili pronta consegna.
[]
[facebook]
[ continua ]

Casale Marittimo

alloggi realizzati. Disponibili pronta consegna.
[]
[facebook]
[ continua ]

Cascina San Frediano

alloggi realizzati. Disponibili pronta consegna.
[]
[facebook]
[ continua ]

I nostri lavori

Casale Marittimo, 18 alloggi

Lavori Eseguiti
[]
Progetto e direzione dei lavori "Studio Carani e Pieroni Ingegneri Associati"; progetto impianti ed involucro termico: ing. A. Carpita; progetto req...
[facebook]
[ continua ]

Pisa, Calambrone, 73 alloggi

Lavori Eseguiti
[]
73 unit immobiliari in due edifici in linea. Intervento terminato nel 2010 con progetto a cura dell´arch. Beniamino Cristofani e impresa costruttr...
[facebook]
[ continua ]

Pisa, via Paradisa, 28 alloggi

Lavori Eseguiti
[]
Sulle coperture piane dei due edifici sono collocate le batterie di pannelli solari per la produzione di acqua calda e fotovoltaici per la produzio...
[facebook]
[ continua ]

Pisa, Calambrone 19 alloggi

Lavori Eseguiti
[]
Programma edilizio terminato nel 2009 realizzato dall´impresa Rota Costruzioni sotto la direzione lavori dell´Arch. Beniamino Cristofani.
[facebook]
[ continua ]

Pisa, San Piero a Grado, 24 tra appartamenti e duplex

Lavori Eseguiti
[]
24 alloggi, appartamenti e duplex, a San Piero a Grado tra via Castagnolo e la via Livornese. Immagini dei lavori a maggio 2008.
[facebook]
[ continua ]

Pisa, piazza del Rosso, 8 alloggi

Lavori Eseguiti
[]
Piano di recupero per la demolizione e ricostruzione del complesso edilizio di piazza del Rosso. Progetto architettonico arch. S. Re e arch. E. Mus...
[facebook]
[ continua ]

Montescudaio, localit Fiorino 18 alloggi

Lavori Eseguiti
[]
[facebook]
[ continua ]

Fucecchio, via di Sottovalle 33 alloggi

Lavori Eseguiti
[]
Progetto degli architetti M. Fornaciari e F. Biondi. Direzione dei lavori arch. M. Fornaciari. Lavori realizzati dal Consorzio Etruria.
[facebook]
[ continua ]

Cascina, localit Navacchio, 14 alloggi

Lavori Eseguiti
[]
[facebook]
[ continua ]

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]